Cerca
  • Silvano Scalabrella

Trasformazione, trasfigurazione, integrazione.

La via della conoscenza esistenziale (sapienza di vita) porta alla guarigione; più profondamente, essa comporta una conversione della persona, cioè una trasformazione, una trasfigurazione, una integrazione. il malato guarisce se stesso e tale processo di guarigione inizia con l'esprimere (tirar fuori) le emozioni negative. Si rivive il proprio vissuto, così come il cervello lo ha memorizzato, classificato. Vi si cerca una possibile soluzione di sopravvivenza: il trauma, la causa, una possibile ri-lettura. Bisogna, infatti, tener presente che è come quella emozione negativa è 'vissuta' e mentalmente 'rivissuta', cioè 'risentita' (anche come 'risentimento'), a codificare la malattia. Quindi è di primaria importanza, terapeuticamente, individuare la parola-chiave corrispondente al 'risentito': di fronte ai traumi, ognuno reagisce diversamente e congiunge, codificandoli, organi differenti alle proprie reazioni. Ciò significa che è il 'risentito' emozionale elaborato individualmente a provocare la malattia, non il 'vissuto' in una determinata situazione. Infatti, la biologia non risponde alla realtà esterna della situazione vissuta, bensì risponde alla interna esperienza emozionale, alla 'verità' cerebrale.

E' necessario individuare con estrema precisione il 'risentito' emozionale, perché ogni individuo è in grado di programmare alle cellule esatte tutte le malattie corrispondenti alla sua codifica biologica emozionale.

Nel momento in cui il malato è del tutto cosciente del suo conflitto, del fatto che è in grado di riconoscerlo perfettamente, allora può finalmente liberarsene. Il senso di questa liberazione si coglie nel fatto che ognuno di noi, nessuno escluso, si esprime esclusivamente attraverso i propri blocchi emozionale e non attraverso le proprie possibilità. Potremo esprimere noi stessi solo dopo aver risolto quei blocchi, la cui origine è senz'altro da ricondurre al tempo della nostra infanzia, ma ancor più alla relazione parentale (la sentenza biblica 'le colpe dei padri ricadono sui figli' esprime una profonda verità biologica).

Post recenti

Mostra tutti

La visione integrata del dolore

Siamo arrivati al punto di riconoscere al dolore non solo una funzione organica, ma anche una funzione psico-somatica, mentale e spirituale. La medicina, se vuole essere integrale e personale, non può

La utilità del dolore

Se noi consideriamo il dolore come avvertimento e monito, allora esso non è semplicemente un disturbo, il sintomo di una malattia da combattere insieme alla malattia stessa. In caso contrario il dolor