Cerca
  • Silvano Scalabrella

Chi sono io?

Entriamo nel mistero della domanda fondamentale 'chi sono io?'. Non è una domanda razionale, eppure in me sorge lo stesso. Non avrà una risposta razionale, eppure una risposta c'è. Questa risposta spiazza la mente, ma non la turba, né la confonde: la sorprende. La risposta è 'Io sono vivente' e genera in me gioia, felicità, meraviglia, gratitudine, entusiasmo, lode, benedizione. La consapevolezza di essere 'vivente' mi introduce, infatti, in una realtà in cui è simultaneamente presente, in modo intrinseco, ciò che dipende da me e ciò che non dipende da me (non lo dico in senso psicologico o sociologico). Per esprimere questa presenza simultanea, che percepiamo non soggetta ad alcuna legge di necessità (causa-effetto), ma totalmente libera e non prevedibile e tuttavia a suo modo razionale, noi occidentali monoteisti ebrei e cristiani ricorriamo alla nozione di Creazione, dono, amore.

Io appartengo ad una realtà creata per amore, ovvero donata: nel dono il fondamento di tutto è la relazione che unisce chi dona, a chi si dona, ciò che è donato. Questa relazione rispecchia analogicamente, per noi monoteisti cristiani, la stessa relazione intratrinitaria tra il Padre, il Figlio, lo Spirito Santo. Tale relazione è il fondamento del mio essere donato, cosa che, alla luce della mia fede in Cristo, mi si fa chiara e prende significato dall'evento salvifico della Resurrezione. Dunque, se ancora manca qualcosa alla scoperta di me come Io vivente, ecco il compimento nel segno della pienezza di Cristo: Io sono risorto. Io sono in quanto io sono risorto. E' tutto, è definitivo. Essere nel mistero di Cristo significa che se prima vi era ancora una qualche separazione tra Dio e l'uomo cosmoteandrico (cioè: umano-cosmico-divino), ora in Cristo tutta la realtà cosmoteandrica è stata elevata a partecipare della natura cristica del Figlio di Dio. Mediante il battesimo l'uomo nuovo incarnato in Cristo è costituito capace di partecipare al dono della resurrezione, principio e inizio di rigenerazione per tutta la creazione.

(continua).

Post recenti

Mostra tutti

La visione integrata del dolore

Siamo arrivati al punto di riconoscere al dolore non solo una funzione organica, ma anche una funzione psico-somatica, mentale e spirituale. La medicina, se vuole essere integrale e personale, non può

La utilità del dolore

Se noi consideriamo il dolore come avvertimento e monito, allora esso non è semplicemente un disturbo, il sintomo di una malattia da combattere insieme alla malattia stessa. In caso contrario il dolor